Sony Xperia E5, la recensione (foto e video)

Sony Xperia E5 - 8

Lo scorso anno Sony realizzò due prodotti per la sua fascia bassa: E4 Dual e E4g. Quest’anno si torna agli albori con una sola variante: Xperia E5. Il suo intendo è sicuramente quello di essere più concreto: scopriamo se ci è riuscito.

LEGGI ANCHE: Recensioni Sony

Confezione

Sony Xperia E5 - 1

La confezione di Sony Xperia E5 contiene al suo interno un cavo USB-microUSB e un alimentatore 5V/0.85A, decisamente un po’ poco. La confezione era comunque quella dedicata alla stampa e dovrebbero quindi esserci le cuffie nella versione per la vendita.

7.5

Costruzione ed Ergonomia

Sony Xperia E5 - 7

Xperia E5 è uno smartphone compatto, comodo da tenere in mano e dal design interessante, anche se non particolarmente originale. La scocca è in policarbonato opaco liscio e trattiene un po’ le impronte sul posteriore, anche se, almeno nella colorazione nera, non è sembrato un difetto rilevante. Un po’ scomodi invece i tasti del volume in alto a destra e scomparso purtroppo il tasto di scatto fisico.

7.0

Hardware

Sony Xperia E5 - 4

Sony ha utilizzato un Mediatek MT6735 quad core da 1,3 GHz per questo Xperia E5. La GPU in dotazione è una Mali T720 MP2. Le prestazioni che vengono offerte, anche grazie agli 1.5GB di RAM sono più che discrete, ma non vi nascondiamo che il non aver incluso almeno 2 GB di RAM un po’ ci ha fatto storcere il naso. La memoria interna è invece da 16 GB ed è possibile espanderla con microSD fino a 200 GB. Buona la connettività: LTE fino a 150 Mbps, Wi-Fi a/b/g/n (quindi compatibile con i 5 GHz), Bluetooth 4.1, NFC e radio FM. Per molti potrà sembrare poco, ma è forse uno dei pochi (includendo il fatto che ci sia la banda a 800 MHz in LTE) ad avere una connettività così completa nella sua fascia di prezzo. Presente anche il led di notifica.

SCHEDA: Sony Xperia E5

7.0

Fotocamera

La fotocamera principale ha una risoluzione di 13 megapixel (ƒ/2.0) ed è dotata di un led flash. La qualità delle foto è discreta ma non è riuscito a convincerci del tutto. Non sempre la messa a fuoco è rapida e/o precisa e le foto con poca luce metto in risalto tutti i suoi limiti. Nel complesso è una buona fotocamera per la sua fascia di prezzo, ma non offre particolari spunti positivi. Le funzionalità non sono molte e per accedere alle scene si deve attivare la modalità manuale. Purtroppo non è possibile integrare altri software nella fotocamera come invece succede nei prodotti Sony di fascia più alta. I video si possono registrare in Full HD (buona la messa a fuoco continua) e la fotocamera frontale è da 5 megapixel.

SAMPLE: FotoVideo

8.0

Display

Sony Xperia E5 - 2

Lo schermo di questo smartphone ha una diagonale di 5″ e la sua risoluzione è HD. È stato realizzato in tecnologia IPS e il suo vetro frontale ha un buon trattamento oleofobico che permette al display di non sporcarsi facilmente. La luminosità è buona, la fedeltà dei colori è discreta (c’è comunque il bilanciamento dei bianchi nelle impostazioni) e nel complesso è un buon display nella sua fascia di prezzo, godendo anche di una buona luminosità automatica.

8.0

Software

Screenshot_20160816-143741 Screenshot_20160816-143744

In questo smartphone troviamo Android alla versione 6.0 Marshmallow personalizzata con l’interfaccia, decisamente poco invasiva, di Sony. Si tratta, come in praticamente tutti gli smartphone Sony di ultima generazione, di un’interfaccia molto discreta e in linea con quanto ci si aspetterebbe da Android Stock. Sono poche le modifiche e riguardano principalmente temi, animazioni e organizzazione del launcher. Nelle impostazioni troviamo poi alcune opzioni aggiuntive: come Smart Cleaner o la possibilità di bloccare lo schermo con un doppio tocco (ma non per sbloccarlo!). Il sistema è fluido e nel complesso gode di buone prestazioni, anche in rapporto all’hardware a disposizione. Molto buone le app multimediali, con software molto completi per quanto riguarda foto, video e musica (dove è anche possibile taggare correttamente i brani grazie al database di Gracenote).

7.0

Autonomia

La batteria da 2700 mAh non ci ha convinto appieno. Riuscirete in molti casi ad arrivare alla fine della giornata, ma non abbiamo riscontrato un boost positivo che ci saremmo aspettati da uno smartphone con una batteria così capiente.

7.0

Prezzo

Sony Xperia E5 viene venduto in Italia a 219€. Un prezzo di 199€ gli avrebbe dato sicuramente uno “slancio” maggiore in questa sua prima fase della sua vita ma nel complesso è in linea con quanto offre il mercato al momento.

Acquisto

Amazon mette già a disposizione Xperia E5 in colorazione nera al prezzo di 200€.

Benchmark

Foto

L'articolo Sony Xperia E5, la recensione (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

C’è una nuova animazione nel Nexus Launcher (download apk)

Google Search Nexus Launcher

Sicuramente molti di voi spinti da una irrefrenabile curiosità avranno provato il Nexus Launcher. Sempre molti di voi sicuramente avranno trovato questo launcher ancora imperfetto e con vari accorgimenti ancora da prendere.

Download: Nexus Launcher

Fra questi sicuramente l’assenza di una degna animazione per il tasto “G” per la ricerca in alto a sinistra. Questa “gravissima” mancanza è stata oggi colmata grazie all’ultimo aggiornamento della versione beta di Google Search. Per chi non volesse aspettare potete installare l’apk della versione 6.3.30.

nexus2cee_newbuttonloop1

L'articolo C’è una nuova animazione nel Nexus Launcher (download apk) sembra essere il primo su AndroidWorld.

Zeblaze Blitz 3G, la recensione (foto e video)

Zeblaze Blitz 3G - 14

Zeblaze Blitz 3G è uno smartwatch, ma non è dotato di Android Wear. E allora perché ne parliamo su AndroidWorld quando trattiamo invece li smartwatch su SmartWorld? Blitz 3G di Zeblaze ha al suo interno Android 5.1 completo, con tanto di dialer telefonico, Play Store e (alcune) app Google. Scopriamolo insieme.

7.0

Confezione

Zeblaze Blitz 3G - 1

Nella confezione di Zeblaze Blitz 3G troverete la base di ricarica, un cavo USB-microUSB, un piccolo manuale e il cacciavite per svitare il retro (necessario per inserire la nanoSIM).

7.0

Costruzione e vestibilità

Zeblaze Blitz 3G - 8

Lo smartwatch Zeblaze ha frontalmente una corona protettiva in metallo, mentre tutto il resto dello smartwatch è realizzato in gomma/plastica. Il prodotto è spesso, ma il vero difetto è piuttosto l’angolo molto ampio dell’aggancio dei cinturini: in pratica non è uno smartwatch per chi ha un polso piccolo. Sul lato destro è presente l’unico tasto (home/accensione), la fotocamera ed il microfono. Sull’altro lato troviamo invece lo speaker. Il cinturino morbido in silicone è di media qualità si stringe con discreta semplicità. Il peso dello smartwatch non è particolarmente importante, ma quando si eseguono molte operazioni tende a scaldare e questo può essere fastidioso. Sul retro è presente anche un sensore di battito cardiaco.

8.0

Hardware

Zeblaze Blitz 3G - 5

Blitz 3G ha al suo interno un hardware di tutto rispetto: processore Mediatek MT6580 quad core da 1,3 GHz (come molti smartphone prima), 512 MB di RAM e 4 GB di memoria interna (non espandibile). Presente poi l’antenna 3G, Wi-Fi e antenna GPS. La precisione di quest’ultimo è discreta (sopratutto se si utilizza assieme al Wi-Fi) ma in mobilità non è particolarmente preciso. La SIM card può essere inserita in formato nano svitando il retro dello smartphone con il piccolo cacciavite in dotazione. Presente anche una fotocamera da 2 megapixel per scattare foto (ma la qualità è decisamente sotto il livello dell’accettabilità).

8.0

Display

Zeblaze Blitz 3G - 6

Lo schermo circolare di questo Zeblaze Blitz 3G ha una diagonale di 1,33″ e una risoluzione di 360×360 pixel. La definizione è decisamente buona, così come lo schermo è ben visibile grazie all’alta luminosità che vi permetterà di visualizzarne il contenuto in ogni situazione. Il livello della luminosità è impostabile su tre modalità, anche se il più basso ci è sembrato troppo basso e l’intermedio troppo alto.

7.5

Software

Zeblaze Blitz 3G - 13

Android all’interno di questo Zeblaze Blitz 3G è aggiornato alla versione 5.1 Lollipop. Al suo interno troviamo varie app preinstallate: Maps, Skype, Whatsapp, Facebook, Google, Google Fit, GMail, Google+, Instagram e altre applicazioni di questo tenore. Purtroppo la memoria interna lascia spazio solo per un altro paio di app a vostra scelta, anche considerando la rapida crescita di dimensioni delle app, dovuto ad aggiornamenti e cache. La home mostrerà solo il quadrante dell’ora (premendo potrete sceglierne uno differente), scorrendo in alto sarà possibile accedere alle informazioni di stato e ai toggle, mentre a sinistra troverete le notifiche. A destra abbiamo invece la lista delle app e in basso il meteo. Dalle impostazioni potrete scegliere di mostrare le app in griglia, lista o a cerchio, mentre in un altro menù potrete scegliere fra due temi differenti. Se vorrete potrete anche collegare il vostro smartphone all’orologio per essere avvisati con una vibrazione di ogni nuova notifica, ma non siamo comunque riusciti a visualizzarne il contenuto.

Le app di terze parti preinstallate si utilizzano discretamente, ma ovviamente lo schermo circolare (che taglia parte della grafica) e il piccolo display vi impediranno di usarlo in modo del tutto soddisfacente. Va bene però per singoli casi specifici, ma non vi illudere di poter utilizzare qualsiasi app presente nel Play Store. È possibile comunque passare ad una modalità quadrata per le app di terze parti tenendo premuto il tasto fisico (che permette di accedere anche al multitasking): è una soluzione di emergenza ma nel nostro caso ci ha permesso per esempio di completare la prima configurazione di Telegram.

5.0

Autonomia

La batteria purtroppo è un punto debole di questo smartwatch: fra 3G, Wi-Fi, GPS e alta luminosità è difficile che l’orologio possa garantirvi più di un giorno di autonomia. Rimanendo al risparmio potrete raggiungere questo traguardo, altrimenti potreste dovervi anche accontentare di una mezza giornata di autonomia di utilizzo più intenso, rendendolo utile solo per brevi periodi di utilizzo.

8.0

Prezzo

Zeblaze Blitz 3G viene venduto a 83€ da Gearbest, un prezzo decisamente contenuto per uno smartwatch così versatile.

Foto

L'articolo Zeblaze Blitz 3G, la recensione (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

NVIDIA SHIELD, Vernee Thor, TomTom Runner e altro in sconto – Amazon vendita flash

shield-android-tv-still-v2

Continuano le offerte flash di Amazon per quanto riguarda la giornata dell’Amazon Prime Day (qui puoi rimanere aggiornato su Telegram). L’offerta migliore di questa selezione è sicuramente NVIDIA Shield Android TV, oltre  che una scheda video Zotac, una videocamera di sorveglianza e uno smartphone Android.

NVIDIA SHIELD

Scheda video

Videocamera sorveglianza

Router

Vernee Thor

TomTom Runner

L'articolo NVIDIA SHIELD, Vernee Thor, TomTom Runner e altro in sconto – Amazon vendita flash sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Incredibile: c’è un APK di Pokémon GO con un malware

Android Malware

Abbiamo parlato più e più volte di come installare APK fuori dal Play Store (o da altri store come Amazon App Shop) non sia una buona idea se non ci si fida ciecamente della fonte da cui stiamo scaricando (per esempio uno store di app craccate).

E così non c’è, purtroppo, niente di cui stupirci quando a sole 72 ore dalla comparsa del primo APK di Pokémon GO proveniente dalla Nuova Zelanda abbia iniziato a girare anche una versione contenente un malware. Si tratta di DroidJack (conosciuto anche come SandroRAT) che permette di prendere il controllo totale del vostro smartphone da parte di un malintenzionato. Ci sono due modi per verificare di aver installato una copia legittima del gioco:

  1. Installare un antivirus e fare una scansione
  2. Verificare i permessi richiesti dal gioco

LEGGI ANCHE: Guida definitiva Pokémon GO

Pokémon GO infatti non richiede accesso al comparto telefonico, agli SMS, alla rubrica e al microfono. Se la vostra copia lo fa, disinstallatela immediatamente. Qui trovate una copia valida di Pokémon GO per Android. Se non dovesse funzionare i motivi sono altri.

L'articolo Incredibile: c’è un APK di Pokémon GO con un malware sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Pokémon GO: i server non reggono, in pausa il rilascio

pokemon-go-final

Sia nel nostro articolo dove vi spieghiamo come installare Pokémon GO su Android, sia nella nostra grande guida a Pokémon GO ci avete inondato di domande riguardante il fatto che non riuscite più a connettervi ai server di Pokémon GO.

La spiegazione che tutti si sono dati è che i server non riescano a reggere l’imponente carico di utenti che sta cercando di connettersi in questi giorni da tutto il mondo (nonostante il rilascio sia iniziato gradualmente). E la spiegazione è corretta: i server di Pokémon GO non hanno retto l’irrefrenabile voglia di catturare Pokémon da parte di allenatori in erba di tutto il mondo.

Niantic ha quindi scelto una strada drastica: bloccare il rilascio in alcune nazioni (come UK e Olanda) affinché possano avere il tempo di sistemare i server. Il rilascio verrà ripreso nei prossimi giorni. Al momento sembra quindi che sia stato interrotto solo il rilascio tramite Play Store ed Apple Store e che non siano stati applicati filtri regionali al gioco stesso.

Se non riuscite a connettervi quindi al momento dovrebbe solo essere un problema di server e l’unica soluzione è riprovare con calma (o no) più tardi.

L'articolo Pokémon GO: i server non reggono, in pausa il rilascio sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

OxygenOS 3.2.1 disponibile per OnePlus 3 (con nuovi bugfix)

OnePlus 3 - 7

Dopo avervi parlato del corposo aggiornamento alla OxygenOS 3.2 di OnePlus 3, vi avevamo anche aggiornato sul fatto che questo aggiornamento fosse stato interrotto a causa di alcuni problemi. Oggi però riparte, con un nuovo numero di versione: 3.2.1 e una dimensione di circa 15 MB.

Quest’ultimo aggiornamento per OnePlus 3 non è però esattamente identico al precedente in quanto porta con sé due novità nel changelog:

  • Risolto problema con le notifiche
  • Risolto problema riconoscimento scheda SIM.

Oltre a queste due novità troviamo poi anche tutte quelle che vi avevamo già elencato per la versione 3.2. Se siete curiosi di vedere le novità di questo software (e in particolare gestione RAM e profilo sRGB per il display) vi invitiamo a guardare la nostra video prova nell’articolo dedicato.

L'articolo OxygenOS 3.2.1 disponibile per OnePlus 3 (con nuovi bugfix) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

OxygenOS 3.2 su OnePlus 3, rapida video prova

OnePlus 3 - 8

In molti ci avete chiesto subito dopo il rilascio di OxygenOS 3.2 per OnePlus 3 di fare una prova, mostrando quali fossero le differenze in termini di colori per il display in modalità sRGB e per quanto riguarda la gestione della RAM.

LEGGI: Download OTA OxygenOS 3.2

Il risultato è stato esattamente in linea con quanto atteso: la modalità sRGB spegne lo schermo in termini di brillantezza dei colori, in favore di una gamma cromatica maggiormente affine allo spazio colore sRGB (usato in stampa e grafica). Per quanto riguarda la RAM abbiamo notato come può accadere che le applicazioni vengano chiuse anche se c’è ancora un grande quantitativo di RAM disponibile, ma lo riteniamo un comportamento assolutamente sensato e abbiamo visto come con 8 giochi pesanti (e molte altre app generiche) aperte in memoria tutte venivano mantenute in RAM senza alcun problema.

Questa non vuole essere assolutamente una prova esaustiva di questo aggiornamento (in rete solo da qualche ora) ma semplicemente una risposta a chi ci ha chiesto a gran voce di mostrare se ci fossero differenze con la precedente Oxygen 3.1.2. Una nota: le icone nel video appartenevano ad un pack di icone scaricato dal Play Store.

A seguire trovate anche una galleria di foto che mostra la differenza di tonalità del display nelle modalità classica e sRGB.

L'articolo OxygenOS 3.2 su OnePlus 3, rapida video prova sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Honor 6 a 199€ su Amazon

Huawei Honor 6 render - 00004

Offerte veramente interessante quella che Amazon sta realizzando in queste ore su Honor 6. Si tratta della possibilità di acquistare lo smartphone a soli 199€, ovvero 100€ in meno rispetto al prezzo di listino e più basso delle altre offerte in rete.

Certo Honor 6 ha più di un anno di vita alle sue spalle, ma considerando il recente aggiornamento a Marshmallow più diventare molto interessante per tutti quelli che stanno cercando uno smartphone dalle buone qualità a meno di 200€.

Potete acquistare Honor 6 a 199€ su Amazon (venduto e spedito da Amazon):

Grazie a Nicola per la segnalazione

L'articolo Honor 6 a 199€ su Amazon sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Samsung Galaxy J5 (2016), la recensione (foto e video)

Samsung Galaxy J5 2016 - 6

Recensione Samsung Galaxy J5 (2016) - L’unico smartphone della famiglia J 2016 di Samsung che non avevamo ancora recensito era J5 e così, dopo la prova di J1, J3 e J7 arriva anche la recensione del modello intermedio.

7.0

Confezione

Samsung Galaxy J5 2016 - 1

La confezione in cartone chiaro contiene al suo interno un cavo USB-microUSB, un paio di cuffie di media qualità e un alimentatore 5V/1.55A.

8.0

Costruzione ed Ergonomia

Samsung Galaxy J5 2016 - 9

Samsung ha scelto per questo J5 (2016) una qualità costruttiva superiore a molti altri prodotti nella stessa fascia, andando ad utilizzare il metallo per il frame, garantendo a questo prodotto una qualità percepita sicuramente più alta di altri prodotti simili. La cover posteriore è comunque in plastica, ma può essere rimossa per lasciare accesso alla batteria (removibile) e agli slot per microSD e microSIM. Nel complesso lo smartphone ha una dimensione tutto sommato nella media per questa fascia di prodotti e in mano si riesce a utilizzare bene senza il rischio che possa scivolare facilmente.

6.5

Hardware

Samsung Galaxy J5 2016 - 7

Samsung ha scelto per questo J5 (2016) un processore Snapdragon 410 quad core da 1,2 GHz con GPU Adreno 306. Si tratta di una CPU onorevole e che troviamo su tantissimi smartphone differenti, anche se forse ci saremo aspettati qualcosa in più su questo prodotto. La RAM è da ben 2 GB e la memoria interna ammonta a 16 GB, permettendovi di installare un gran numero di applicazioni. Potrete comunque espanderla con una microSD per contenere foto, video e musica offline. La connettività è LTE fino a 150 Mbps, abbiamo il Wi-Fi (buono ma solo a singola banda) e il Bluetooth 4.1.

È presente l’NFC, ma mancano purtroppo led di notifica, vibrazione dei tasti touch, giroscopio e bussola. Questi ultimi sono sensori che potremmo considerare secondari ma è giusto sapere a cosa si sta rinunciando acquistando questo smartphone. L’audio è poi leggermente inferiore alla media degli altri dispositivi nella stessa fascia.

SCHEDA: Samsung Galaxy J5 (2016)

7.0

Fotocamera

Screenshot_20160629-155229

La fotocamera principale è una 13 megapixel ƒ/1.9. Purtroppo nonostante sulla carta sia uguale a quella J7 (2016) i risultati non ci hanno soddisfatto allo stesso modo. Non è una cattiva fotocamera e nella sua fascia di prezzo si difende bene, ma soffre comunque di problemi con le forti luci (bruciando parte dello scatto) e al buio le immagini tendono rapidamente al giallo. La quantità di dettaglio è comunque buona quando la luce è buona. Presente anche una fotocamera frontale da 5 megapixel dotata anch’essa di un led flash, come la fotocamera principale. Il software è semplice da utilizzare e abbastanza veloce. Molto comoda la possibilità di avviare la fotocamera rapidamente con una doppia pressione del tasto home. I video sono sufficienti e vengono registrati alla risoluzione di 1080p a 30 frame per secondo.

SAMPLE: FotoVideo

8.5

Display

Samsung Galaxy J5 2016 - 3

Samsung Galaxy J56 (nome impresso sulla confezione) è un 5.2 pollici di diagonale con risoluzione 1280 x 720 pixel e realizzato in tecnologia SuperAMOLED. Lo schermo è tutt’altro che perfetto ma nella sua categoria, così come per J7 (2016) demolisce la concorrenza, offrendo un display esplosivo, con una discreta resa dei colori (ci sono quattro modalità di utilizzo nelle impostazioni) e sopratutto una luminosità ottima. Questa però purtroppo non ha la regolazione automatica, vista l’assenza del relativo sensore. Presente invece una modalità “all’aperto” per aumentare ulteriormente la luminosità, con un limite massimo di 15 minuti.

7.5

Software

Screenshot_20160629-155215 Screenshot_20160629-155150

Android è aggiornato alla versione 6.0.1 Marshmallow in questo J5 (2016) ed è personalizzato con l’ultima interfaccia TouchWiz di Samsung, privata però (ovviamente?) alcune funzioni. Il software è semplice da usare e abbastanza veloce (anche se non fulmineo) nell’eseguire buona parte delle operazioni. Fra le aggiunte di Samsung troviamo Briefing, una pagina basata su Flipboard alla sinistra della home che raccoglie le ultime notizie. Dal punto di vista della personalizzazione è possibile cambiare la dimensione della griglia nella home, cambiare i temi (tanti a disposizione!) e utilizzare lo smart manager per tenere sotto controllo le app installate e lo spazio rimanente.

Fra le semplificazioni smart di Samsung le più interessanti sono sicuramente il doppio ed il triplo click del tasto home per avviare la fotocamera o la modalità ad una mano. Bene le prestazioni del browser Samsung, mentre il player audio Samsung va scaricato (gratuitamente) dallo store GALAXY APPS.

7.5

Autonomia

La batteria da 3100 mAh offre una buona autonomia e vi permette con un utilizzo abbastanza intenso di arrivare alla fine della giornata. La ricarica non è velocissima con l’alimentatore in dotazione, ma è invece un buon pro avere la possibilità di sostituire la batteria.

7.0

Prezzo

Samsung J5 (2016) viene commercializzato nel nostro paese a 219€ un prezzo leggermente più alto delle nostre aspettative, ma comunque consono alle lineup generale e di Samsung nello specifico.

Acquisto

È possibile acquistare Samsung Galaxy J5 (2016) a 197€ su ePRICE.it.

Benchmark

Foto

L'articolo Samsung Galaxy J5 (2016), la recensione (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.it.